jump to navigation

I lavoratori chiedono un cambiamento 18 novembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
trackback

321.jpg

– NEWS –

Bilancio Sociale, Codice etico, dichiarazioni propositive.

Tutto vero?

La UILCA dice di no.

Basta fare un giro tra i collaboratori, rigorosamente in anonimato ed a quattr’occhi, per capire quale siano ormai le consuetudini verso le parti più deboli.

Stiamo parlando delle donne, dei part-time, dell’organizzazione del lavoro.

Tutti coloro che manifestano disappunto verso una gestione rigida, viene loro attribuita (senza alcun scampo, né confronto) la nomea di “intriganti”. Su qualsiasi vicenda aziendale nessun lavoratore ha mai possibilità di replica, né confronto, a tal punto che periodicamente assistiamo (quasi obbligatoriamente) a monologhi dei vertici, sulla cui durata e contenuti molti avrebbero da esprimere il proprio pensiero-

La UILCA ritiene che per fare GRANDE una qualsiasi Azienda i metodi e gli strumenti non possono essere orientati al cosiddetto “pensiero unico” con percepibili dinamiche repressive, gli incontri con il personale devono orientarsi verso percorsi condivisi, di dibattito e di confronto.

E’ di questi giorni la notizia che il negoziato a livello nazionale sta proseguendo positivamente. Forse alcuni banchieri hanno capito che gli Istituti non stanno attraversando un periodo particolarmente positivo per i rapporti con la pubblica opinione. Ecco allora che i grandi top management si sono fermati ed hanno ritenuto doveroso confrontarsi. Tutto nell’interesse di ambo le Parti.

Forse anche per noi qualche segnale c’è stato e prima o poi dinamiche impensabili diverranno passaggi obbligati.

Caro Condottiero, continua a mantenere GELOSAMENTE il capitale in cassaforte.

Attenzione però, qualche moneta sta fuggendo e coloro che non condividono i metodi hanno compreso che il mercato è sempre più globalizzato!!!

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: