jump to navigation

Caccia alle migliori soluzioni 12 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
trackback

991.jpg

Estratto dell’articolo apparso su Il sole24 ore

Ing Direct ha i mutui più convenienti. È quanto emerge da un’analisi del sito web specializzato, Mutuionline.it, sulle offerte più recenti delle banche in Italia. La «Zucca», in particolare, è sempre al primo posto nelle ipotesi di sostituzione del finanziamento.

Viceversa, in caso di acquisto di prima casa, c’è maggior concorrenza tra gli istituti di credito e a contenderle il primato sono San Paolo (Intesa-San Paolo) e Banca Ucb (Bnp Paribas).

L’indagine ha preso in considerazione tre diversi profili: libero professionista, artigiano e impiegato in altrettante città italiane (Milano, Firenze e Roma) che intendono acquistare un immobile del valore di 200mila euro. L’importo richiesto alle banche è di 100mila euro.

Le offerte riguardano sia il tasso fisso che variabile e oscillano su un orizzonte temporale di 10, 20 e 30 anni (le tabelle complete sono disponibili sul sito del «Sole24-Ore»). Infine, i mutui vengono distinti in due macroaree: quelli erogati per la prima casa e quelli invece relativi alla «rottamazione» del vecchio finanziamento. Una soluzione, quest’ultima, incentivata dal decreto Bersani del 2 febbraio scorso.

Provvedimento che ha abolito le penali per i nuovi contratti mentre per i vecchi è stato siglato, prima dell’estate, un accordo di riduzione tra le associazioni dei consumatori e l’Abi, l’organizzazione di categoria delle banche.

Andando nel dettaglio, in caso di sostituzione del mutuo, l’offerta di Ing Direct è pari al 5,3% per il tasso fisso su un orizzonte di 10 anni. Se guardiamo l’Isc, ovvero l’indice sintetico dei costi, si sale per lo stesso periodo a 5,43 per cento. «Nell’Isc o Taeg – sottolinea Roberto Anedda, direttore marketing di Mutuionline.it – oltre al tasso e a tutte le spese previste, noi inseriamo anche il costo dell’assicurazione per scoppio e incendio».

Nell’ambito dell’ipotesi di sostituzione mutuo, la Zucca cambia l’offerta del tasso fisso sui 20 anni (5,62%) e sui 30 anni (5,61%). Resta inchiodata invece al 5,24% per il tasso variabile. A tenere il passo dell’offerta Ing, vi è la Bnl (Bnp Paribas) che si colloca al secondo posto nelle offerte per la rottamazione del mutuo. «Le richieste di sostituzione erano cominciate già nella seconda parte del 2006 – ricorda Anedda –, ben prima del decreto Bersani come dimostrano i dati del nostro report di agosto». Si è passati dal 5,5% del primo semestre 2006 al 10,6% dei sei mesi successivi. Ma è nel periodo gennaio-giugno del 2007 che si è verificato il boom e le domande di sostituzione sono salite al 20,9% del totale…

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: