jump to navigation

MENO MALE, NON SIAMO POVERI (di denaro)… 12 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

221.jpg

Giorni or sono era apparsa notizia su una possibile acquisizione di 5-6 sportelli di Banca Intesa  tramite Veneto Banca. Ora le chiacchere sembrano fondate.  Ma, quanto costano questi sportelli? Fino a ieri vigeva una sola 

PAROLA D’ORDINE: risparmiare su tutto (una tantum e inquadramenti compresi),

mentre ora d’incanto acquistiamo sportelli.

Dopo quanto accaduto, colleghi ci segnalano di scrivere questi contenuti, ricordando a chi di dovere che

nessuno è fesso…

Annunci

Caccia alle migliori soluzioni 12 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

991.jpg

Estratto dell’articolo apparso su Il sole24 ore

Ing Direct ha i mutui più convenienti. È quanto emerge da un’analisi del sito web specializzato, Mutuionline.it, sulle offerte più recenti delle banche in Italia. La «Zucca», in particolare, è sempre al primo posto nelle ipotesi di sostituzione del finanziamento.

Viceversa, in caso di acquisto di prima casa, c’è maggior concorrenza tra gli istituti di credito e a contenderle il primato sono San Paolo (Intesa-San Paolo) e Banca Ucb (Bnp Paribas).

L’indagine ha preso in considerazione tre diversi profili: libero professionista, artigiano e impiegato in altrettante città italiane (Milano, Firenze e Roma) che intendono acquistare un immobile del valore di 200mila euro. L’importo richiesto alle banche è di 100mila euro.

Le offerte riguardano sia il tasso fisso che variabile e oscillano su un orizzonte temporale di 10, 20 e 30 anni (le tabelle complete sono disponibili sul sito del «Sole24-Ore»). Infine, i mutui vengono distinti in due macroaree: quelli erogati per la prima casa e quelli invece relativi alla «rottamazione» del vecchio finanziamento. Una soluzione, quest’ultima, incentivata dal decreto Bersani del 2 febbraio scorso.

Provvedimento che ha abolito le penali per i nuovi contratti mentre per i vecchi è stato siglato, prima dell’estate, un accordo di riduzione tra le associazioni dei consumatori e l’Abi, l’organizzazione di categoria delle banche.

Andando nel dettaglio, in caso di sostituzione del mutuo, l’offerta di Ing Direct è pari al 5,3% per il tasso fisso su un orizzonte di 10 anni. Se guardiamo l’Isc, ovvero l’indice sintetico dei costi, si sale per lo stesso periodo a 5,43 per cento. «Nell’Isc o Taeg – sottolinea Roberto Anedda, direttore marketing di Mutuionline.it – oltre al tasso e a tutte le spese previste, noi inseriamo anche il costo dell’assicurazione per scoppio e incendio».

Nell’ambito dell’ipotesi di sostituzione mutuo, la Zucca cambia l’offerta del tasso fisso sui 20 anni (5,62%) e sui 30 anni (5,61%). Resta inchiodata invece al 5,24% per il tasso variabile. A tenere il passo dell’offerta Ing, vi è la Bnl (Bnp Paribas) che si colloca al secondo posto nelle offerte per la rottamazione del mutuo. «Le richieste di sostituzione erano cominciate già nella seconda parte del 2006 – ricorda Anedda –, ben prima del decreto Bersani come dimostrano i dati del nostro report di agosto». Si è passati dal 5,5% del primo semestre 2006 al 10,6% dei sei mesi successivi. Ma è nel periodo gennaio-giugno del 2007 che si è verificato il boom e le domande di sostituzione sono salite al 20,9% del totale…

Auguri – Gluckwunsche 12 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

77.jpg