jump to navigation

Articolo di un collega, io sono andato alla convention 8 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
trackback

1231.jpg E’ stata la mia prima volta e…. lo confesso ero sia intimidito sia incuriosito e, perché no, anche un po’ emozionato!  Avevo sempre sentito parlare di queste conventions da altri colleghi, talvolta in tono po’ sarcastico talvolta con un certo grado di compiacimento per esserci stati, come di eventi dove si potevano avere delle illuminazioni ed assistere ad alcune conversioni, a favore dell’Azienda, al pari di S. Paolo sulla via di Damasco. 

La location di grande prestigio, il teatro “Carlo Felice” ha contribuito a dare una particolare “solennità”all’evento. Sul grande ed austero palco il “gotha” della ns. Dirigenza, rigorosamente ligure, con alcuni volti nuovi (perlomeno in quel ruolo) ed insolitamente giovanili di alcuni VDG ( non sia mai che, per una volta, il suggerimento di Bankit di svecchiare il nostro management sia stato ascoltato). Al tavolo non mancava il Cav. Repetto in rappresentanza della Fondazione. 

Le danze, per così dire, sono state aperte dal Presidente, dal suo Vice e a ruota il Direttore Generale, il D.G. Vicario e così via. Anche il Cav. Repetto è intervenuto per complimentarsi per il lavoro svolto fino ad oggi….. Tra di loro non si risparmiavano i complimenti ed abbracci di compiacimento.Io guardavo ……ogni tanto mi perdevo nella quintalata di dati snocciolati supportati dalle slides proiettate dalla sapiente regia dell’Uff. Relazione Esterne; ma qualcosa non mi tornava.. Mi ricordavo le parole dei colleghi che raccontavano di relazioni “pirotecniche” fatte dal Presidente che non mancavano di alcune coloriture verbali …Tutti i dati forniti, i piani industriali, le politiche aziendali, comunque, mi hanno dato la sensazione che, nonostante tutto, i buoni propositi, di indipendenza siano finalizzati alla creazione di un bel pacco dono da consegnare nelle mani di qualcun altro…… 

Nessun aspetto è stato trascurato e si è parlato anche di personale (sempre troppo poco) e si è dato particolare risalto alla formazione, è stata inolTre ribadita l’importanza delle Risorse Umane per raggiungere gli obiettivi – peccato se ne ricordino solo in certi casi -. Il massimo lo si è raggiunto con la presentazione, con tanto di demo, di quello che sarà il nuovo TP di sportello. Progetto ammirevole e veramente efficiente peccato che, dopo più di 20 anni in questo Istituto, mi sono sentito veramente preso in giro!!! Tale progetto male si combina con le quotidiane difficoltà di gestione delle problematiche del ns.hardware che, spero, verrà quanto prima sostituito, ma quello che più mi preoccupa è che tutta l’architettura del programma si regge su un concetto ancora poco diffuso nella nostra realtà: il così detto “cliente interno” che non si può improvvisare ma prevede un radicale cambiamento di mentalità. 

Gran finale “alla giapponese” con premiazione dell’eccellenza raggiunta da alcuni colleghi in vari comparti….. (non ho capito bene con quali criteri visto che fino alla fine di maggio non si è potuto disporre dei dati del 2006)!!!!Alla fine estrazione del premio annuale, un’automobile, che naturalmente non ho vinto così me ne sono tornato a casa con gli stessi mezzi con cui sono arrivato ….e non credo proprio che ci tornerò l’anno prossimo!!!

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: