jump to navigation

Veneto Banca: utile netto semestrale sale a 50,3 mln 29 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

113.jpg

Veneto Banca registra nel primo semestre un utile netto pari a 50,3 mln di euro, +18,8% rispetto all’esercizio precedente.

Lo si apprende da una nota in cui si chiarisce che gli impieghi sono cresciuti dai 5,8 mld del giugno 2006 a 7,2 mld (+23,8%), con un rapporto sofferenze nette sugli impieghi dello 0,71%. Il patrimonio netto ammonta a 1,5 mld, rispetto ai 964 mln dell’esercizio precedente.

da Finanzaonline

Annunci

È Meglio costruire, no? (anziché distruggere) 28 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

doubleface.jpg

News FISAC/CGIL – comunicato

In una fase delicata come quella che la nostra Banca sta attraversando (articoli sui giornali + 100 nuovi pendolari Brixen + pressione sugli obiettivi nelle filiali + acquisto ad alto costo di nuovi sportelli nel Veneziano) la RSA Fisac/Cgil della Banca Popolare lancia un appello alle altre RSA e alla Direzione della Banca di voler mantenere reciprocamente un dialogo ed un confronto di tipo aperto, anche intenso, ma comunque leale, sereno, e soprattutto senza acrimònia.

Nel marasma generale, nella confusione costruita ad hoc, a perderci è la parte più debole, ossia i lavoratori. Non è sicuramente incendiando un bosco che si salvano gli alberi. Ma anche il silenzio fa i suoi danni, poiché non aiuta a capire e risolvere i problemi.

RSA FISAC CGIL per il dialogo e l’unità sindacale

UNA TANTUM: außer Spesen nichts gewesen 27 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
Tags:
comments closed

332.jpg 

UNA TANTUM: tanti mugugni con poco compiacimento 

NEWS -Doveva essere una giornata brillante. Molti colleghi avevano già pronosticato piccoli acquisti e come si dice: “qualcuno intendeva togliersi qualche sfizio”.  

Purtroppo, dopo aver consultato ognuno il proprio stipendio, cui si aggiungeva la parte di una – tantum riguardante i 4 anni di mancato rinnovo del CCNL, più di qualche collega ha fatto marcia indietro diventando perfetto contabile.  

250 – 300 euro netti (a seconda del reddito) per quattro anni di arretrati. Possibile?  250:4:13 = 4,8 euro 

La UILCA da tempo sostiene che le cose non funzionano a dovere. Per funzionare serve un cambiamento.   

Purtroppo la nostra voce non è stata presa in considerazione da molti colleghi e prima o poi il conto da pagare è salato. E sarà sempre più salato, per TUTTI.  

Aggiungiamo che la situazione è grave a tal punto che ormai è indispensabile un mandato a persona o persone (con il contributo di tutto il personale – ” anche questo è un cambiamento”) che siano in grado di contrastare le politiche aziendali ed il modello gestionale attualmente vigente.  

Infortunio ad itinere 27 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

224.jpg

In caso di soste lunghe il lavoratore non è coperto per l’eventuale infortunio ad itinere

Breve la pausa caffè dopo il lavoro

La pausa caffè mentre si torna a casa dal lavoro non deve durare più di qualche minuto, altrimenti il lavoratore rischia di trovarsi scoperto in caso di eventuali infortuni ad itinere. Lo ha stabilito la Sezione del Lavoro della Corte di Cassazione dettando una sorta di decalogo delle pause tollerate, cioè quelle che obbligano il datore di lavoro e l’INAIL ha risarcire il dipendente in caso di infortunio.

La vicenda è quella di un lavoratore di Massa che, tornando a casa dal lavoro si era fermato a prendere un caffè attardandosi al bar per quasi un’ora, ed era poi rimasto vittima di un incidente stradale per il quale aveva chiesto il riconoscimento dell’infortunio “ad Itinere” – quello cioè spettante per infortuni nel tratto di strada casa – lavoro – al datore di lavoro ed all’INAIL.

Fonte: estratto da AziendaLex

Weisheit 27 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

indiano.jpg

Concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio per cambiare quelle che posso e la saggezza per riconoscerne la differenza.

preghiera Cherokee 

Citazione di una scrittrice tedesca 26 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

Man bewältigt ein Gebirge, und man stolpert über einen Stein… 

Gertrud von Le Fort

Si oltrepassano le montagne, ma si inciampa su un sassolino… 

Gertrud von Le Fort

Cadore: situazione esplosiva 24 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

992.jpg

NEWS – Nel corso del corrente mese la Rappresentanza Sindacale Aziendale UILCA ha avuto modo di visitare alcune Filiali del Comelico e dell’area bellunese.

Dagli incontri con i colleghi sono emersi in modo chiaro gli annosi problemi che da anni ci portiamo dietro. Formazione, inquadramenti, sostituzioni, ruoli, rapporti di lavoro part-time, operatività e sicurezza sono ormai la punta dell’iceberg di una situazione per i colleghi ormai insostenibile.  

Mentre a gran voce si chiedono soluzioni, la Banca ritiene importante definire se continuare a corrispondere  il pacco natalizio, oppure dare il corrispettivo in beneficenza.La UILCA non ci sta. I contenuti devono sempre  prevalere sull’apparenza. 

BASTA FUMO NEGLI OCCHI !!!  

Arretrati di 500 euro, con ampia risonanza sull’entità del premio aziendale, non coprono minimamente un sottoinquadramento generalizzato dei lavoratori. (Vice capo filiali con inquadramenti da ex capo-ufficio o addirittura ex vice-capo ufficio, incongruenze di inquadramento tra capi filiale, risultati mai riconosciuti agli sportellisti ecc.ecc.). 

Siamo seri. I lavoratori chiedono risposte e la Uilca è intenzionata  a raccogliere le istanze di contenuto. Non fa piacere vedere colleghi e colleghe insoddisfatti che alle 17.00 in punto mollano tutto quando, fino a poco tempo fa, erano il motore della nostra banca.  

FILIALI: Volksbank “in gondoeta” ? 23 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

News – E’ ormai notizia nota ai più: La Volksbank sta trattando l’acquisizione di alcuni sportelli da Veneto Banca.  

Dove? 

Come disposto dall’Autorità per la concorrenza del mercato, Intesa dovrà cedere 198 sportelli.  Veneto Banca dovrebbe acquisirne 42 e, di questi sportelli, le province che potrebbero interessare alla Popolare sono quelle di Venezia, Padova ed eventualmente Rovigo.

Tutti gli altri sportelli del nord sarebbero in aree territoriali “poco appetibili”  e comunque troppo lontane dall’Alto Adige. Come vedete, quando Vi sono interessi economici, le distanze ed i territori “miracolosamente” si avvicinano.

Tra l’altro le Dolomiti e la “gondoeta”, con la benedizione del Santo, sono province non poi così lontane.  

– La Rsa UILCA –

FORMAZIONE: finalmente la sicurezza 23 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

 

News – Nei compartimenti  della Banca si stanno svolgendo alcuni corsi di formazione. Corsi specifici legati all’introduzione di nuove norme legislative, ma questa volta anche corsi legati al tema della sicurezza sul lavoro.

 

Il corso recentemente tenuto da un docente del settore, seppur corposo, ha messo in evidenza le aree di possibile rischio, ed ha evidenziato le varie  responsabilità in capo alle diverse figure professionali presenti nei luoghi di lavoro.

 

La figura del preposto in particolare, prevede oneri specifici cui spesso non si da una sufficiente importanza, sia per le possibili ricadute civili, sia per le ricadute penali che ne potrebbero derivare. L’incontro è stato anche oggetto di analisi approfondita sulle postazioni di lavoro e sui tempi di riposo per le adibizioni  del personale ai videoterminali.

 

Controllo di malattia ed assenza al controllo 20 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

112.jpg

Se manca il nome sul citofono

NEWS – Con recente sentenza, la Cassazione ha affermato che se il medico di controllo non può effettuare la visita domiciliare in quanto non ha trovato il nome del lavoratore sul citofono o sulla cassetta della posta, quest’ultimo perde il diritto all’indennità di malattia.   

Se la visita specialistica è indifferibile

“Il lavoratore, assente per malattia, ha il dovere di essere reperibile presso la propria abitazione durante le fasce orarie stabilite per i controlli. Egli può venire meno a tale obbligo solo in presenza, non già di una causa di forza maggiore, ma di una ragione seria e apprezzabile, atta a giustificarne l’assenza. 

Tra le ragioni apprezzabili rientra sicuramente l’esigenza di sottoporsi a visita medica specialistica, purchè però – e qui sta il punto essenziale – il lavoratore fornisca la prova dell’indifferibilità della visita specialistica e che quindi non gli era possibile effettuarla in altro momento al di fuori delle fasce di controllo.”

– La Rsa UILCA

GIALLO MATRIX 20 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

matrix.jpg

Udite udite: per la prima volta nella storia salta la mitica gita in montagna organizzata dall’entourage della Direzione, per mancanza di partecipanti. Si tratta di un “colpo di testa” ordito contro il gran cameriere di corte? – Se sapete qualcosa ditelo a Radio Scarpa…

Fuoco incrociato, ma in mezzo ci sono i lavoratori 18 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

noguerra.jpeg

News: comunicato sindacale della RSA FISAC CGIL

La Fabi si rivolge alla politica e fa il diavolo a quattro sulla stampa sudtirolese, la Banca risponde per le rime sui media tramite il suo portavoce, la Uilca attacca a spron battuto sulla stampa italiana con i suoi comunicati stampa.

A nessuno è venuto in mente che per risolvere un problema la prima cosa da fare è sedersi ad un tavolo e discuterne?

La RSA Fisac/Cgil ha espresso nuovamente la richiesta.

La RSA Fisac/Cgil richiama tutte le parti in causa alle proprie responsabilità e rammenta che nel trambusto generale chi ci va di mezzo sono i lavoratori.

RSA Fisac/Cgil

COMUNICATO STAMPA – PRESSEMITTEILUNG 18 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

441.jpg

Trasferimenti alla Volksbank

La Uilca: intrecci di interesse   

Articolo apparso oggi 18.09.07 sul Corriere dell’Alto Adige Bolzano –

La UILCA attacca la Banca popolare dell’Alto Adige sull’imminente trasferimento di 119 lavoratori:

“Pericolosi intrecci di interesse”.

Nel 2008 i 119 dipendenti del Centro Servizi di Bressanone dovrebbero essere trasferiti a Bolzano perché scade il patto sindacale siglato al momento della fusione tra la Banca Popolare brissinese e quella meranese. 

Un accordo – precisa Adriano Bozzolan della UILCA – sottoscritto proprio dal Sindacato Autonomo Fabi. A suo tempo, le ricadute sui lavoratori del meranese erano state valutate con disinvoltura. I Confederali erano stati i soli interlocutori a difendere le esigenze dei colleghi. Dialettica ed aspro confronto hanno fatto si che l’Azienda durante il negoziato rivedesse al ribasso il numero dei lavoratori del meranese da trasferire a Bolzano. 

Ora, come mai tanto clamore con l’interessamento del sindaco Purgstaller, già dipendente della Banca? Senza contare che per la Banca replica il responsabile alla comunicazione Karl Psenner, invitamdo a non drammatizzare. Il collega in questione è anche sindacalista.  

Ritengo che in questa Banca si debbano chiarire i ruoli.

Ciascuno dica cosa fa e da che parte sta, senza mischiare i ruoli. L’auspicio, conclude – Bozzolan – è che il confronto sul trasferimento dei lavoratori si svolga secondo i canoni e nelle sedi opportune, lasciando alla politica ciò che è politico e al sindacato ciò che è materia sindacale.

Polizza R.c. Ammanchi Cassa e Perdite Patrimoniali 18 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

331.jpg 

NEWS – Avvicinandosi la scadenza del 30/09, riteniamo utile ricordare che, anche quest’anno è possibile per i nuovi iscritti al Sindacato dal 01/10 al 31/12, aderire alle coperture assicurative indicate in oggetto, pagando un premio trimestrale.                       

Per maggiore comodità, riportiamo di seguito il prospetto, con le varie opzioni di garanzie ed i relativi premi trimestrali: 

R. C. AMMANCHI DI CASSA

OPZIONE 1) MASSIMALE      EUR   6.000,00   PREMIO LORDO   EUR   31,50

OPZIONE 2) MASSIMALE   EUR   10.000,00   PREMIO LORDO    EUR   37,00 

Per condizioni e contenuti specifici rivolgersi alla Rsa UILCA

Brixen: alle Arbeiter/innen sind gleichgestellt 17 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

21.jpg

Lettera di una collega che pubblichiamo

Spett.le Radioscarpa,

 sono una lavoratrice della Südtiroler Volksbank e sulla Tageszeitung di venerdì 14 ho letto che: “die Südtiroler Volksbank will 119 Arbeitsplätze nach Bozen verlegen“. 

Sono molto interessata a questa tematica e come ex lavoratrice dell’area del meranese ho vissuto e vivo tuttora le conseguenze dell’ex incorporazione della Banca Popolare di Merano nella Banca Popolare dell’Alto Adige. Il continuo centralismo delle attività produttive finisce per impoverire la periferia, provocando inevitabili cadute anche su tutti i servizi alla persona.

I sudtirolesi sono da sempre un popolo radicato sul territorio e il pendolarismo è un fattore, causa anche le distanze relativamente contenute,  che non viene compreso dalla maggior parte dei sudtirolesi. 

Nonostante questi principi mi stiano a cuore, voglio chiedere al responsabile del Sindacato Autonomo Fabi, come mai al tempo della incorporazione della Banca Popolare di Merano, la Sua Organizzazione abbia ad un certo punto abbandonato il tavolo negoziale, lasciando le incombenze, le liti e le responsabilità in capo ai soli Sindacati Confederali. 

Caro signore,  non crede che tutti i lavoratori e le lavoratrici abbiano pari dignità e quindi pari diritto di tutela nei posti di lavoro? 

Grazie per la risposta che gentilmente vorrà trasmettere a radioscarpa. 

Una collega.  

STRESS DA LAVORO 14 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

stress.jpg

Con sentenza n. 19434/2006, la Cassazione ha affermato che il fatto che un lavoratore sia già duramente provato dallo stress, per motivi personali attinenti la sua vita privata, è una circostanza che – di per sé – non esclude che anche ragioni professionali possano aver provocato, come concausa, l’insorgere della depressione. 

Pertanto al dipendente che ha alle spalle una “vita difficile”, non può essere negata l’indennità assicurativa dell’INAIL qualora sia provata la durezza dei carichi lavorativi attinenti le sue mansioni.

Scheißenverbot? Vietato cagare? 14 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

scheisse.jpg

Unglaublich!

In unserer Bank (Raum Veneto) gibt es tatsächlich eine Agentur ohne Klo – ohne Witz.

Inaudito!

C’è una filiale veneta senza cessi! Sportellisti costretti ad uscire ed andare altrove a fare le loro cose.

MENO MALE, NON SIAMO POVERI (di denaro)… 12 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

221.jpg

Giorni or sono era apparsa notizia su una possibile acquisizione di 5-6 sportelli di Banca Intesa  tramite Veneto Banca. Ora le chiacchere sembrano fondate.  Ma, quanto costano questi sportelli? Fino a ieri vigeva una sola 

PAROLA D’ORDINE: risparmiare su tutto (una tantum e inquadramenti compresi),

mentre ora d’incanto acquistiamo sportelli.

Dopo quanto accaduto, colleghi ci segnalano di scrivere questi contenuti, ricordando a chi di dovere che

nessuno è fesso…

Caccia alle migliori soluzioni 12 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

991.jpg

Estratto dell’articolo apparso su Il sole24 ore

Ing Direct ha i mutui più convenienti. È quanto emerge da un’analisi del sito web specializzato, Mutuionline.it, sulle offerte più recenti delle banche in Italia. La «Zucca», in particolare, è sempre al primo posto nelle ipotesi di sostituzione del finanziamento.

Viceversa, in caso di acquisto di prima casa, c’è maggior concorrenza tra gli istituti di credito e a contenderle il primato sono San Paolo (Intesa-San Paolo) e Banca Ucb (Bnp Paribas).

L’indagine ha preso in considerazione tre diversi profili: libero professionista, artigiano e impiegato in altrettante città italiane (Milano, Firenze e Roma) che intendono acquistare un immobile del valore di 200mila euro. L’importo richiesto alle banche è di 100mila euro.

Le offerte riguardano sia il tasso fisso che variabile e oscillano su un orizzonte temporale di 10, 20 e 30 anni (le tabelle complete sono disponibili sul sito del «Sole24-Ore»). Infine, i mutui vengono distinti in due macroaree: quelli erogati per la prima casa e quelli invece relativi alla «rottamazione» del vecchio finanziamento. Una soluzione, quest’ultima, incentivata dal decreto Bersani del 2 febbraio scorso.

Provvedimento che ha abolito le penali per i nuovi contratti mentre per i vecchi è stato siglato, prima dell’estate, un accordo di riduzione tra le associazioni dei consumatori e l’Abi, l’organizzazione di categoria delle banche.

Andando nel dettaglio, in caso di sostituzione del mutuo, l’offerta di Ing Direct è pari al 5,3% per il tasso fisso su un orizzonte di 10 anni. Se guardiamo l’Isc, ovvero l’indice sintetico dei costi, si sale per lo stesso periodo a 5,43 per cento. «Nell’Isc o Taeg – sottolinea Roberto Anedda, direttore marketing di Mutuionline.it – oltre al tasso e a tutte le spese previste, noi inseriamo anche il costo dell’assicurazione per scoppio e incendio».

Nell’ambito dell’ipotesi di sostituzione mutuo, la Zucca cambia l’offerta del tasso fisso sui 20 anni (5,62%) e sui 30 anni (5,61%). Resta inchiodata invece al 5,24% per il tasso variabile. A tenere il passo dell’offerta Ing, vi è la Bnl (Bnp Paribas) che si colloca al secondo posto nelle offerte per la rottamazione del mutuo. «Le richieste di sostituzione erano cominciate già nella seconda parte del 2006 – ricorda Anedda –, ben prima del decreto Bersani come dimostrano i dati del nostro report di agosto». Si è passati dal 5,5% del primo semestre 2006 al 10,6% dei sei mesi successivi. Ma è nel periodo gennaio-giugno del 2007 che si è verificato il boom e le domande di sostituzione sono salite al 20,9% del totale…

Auguri – Gluckwunsche 12 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

77.jpg

Articolo di un collega, io sono andato alla convention 8 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

1231.jpg E’ stata la mia prima volta e…. lo confesso ero sia intimidito sia incuriosito e, perché no, anche un po’ emozionato!  Avevo sempre sentito parlare di queste conventions da altri colleghi, talvolta in tono po’ sarcastico talvolta con un certo grado di compiacimento per esserci stati, come di eventi dove si potevano avere delle illuminazioni ed assistere ad alcune conversioni, a favore dell’Azienda, al pari di S. Paolo sulla via di Damasco. 

La location di grande prestigio, il teatro “Carlo Felice” ha contribuito a dare una particolare “solennità”all’evento. Sul grande ed austero palco il “gotha” della ns. Dirigenza, rigorosamente ligure, con alcuni volti nuovi (perlomeno in quel ruolo) ed insolitamente giovanili di alcuni VDG ( non sia mai che, per una volta, il suggerimento di Bankit di svecchiare il nostro management sia stato ascoltato). Al tavolo non mancava il Cav. Repetto in rappresentanza della Fondazione. 

Le danze, per così dire, sono state aperte dal Presidente, dal suo Vice e a ruota il Direttore Generale, il D.G. Vicario e così via. Anche il Cav. Repetto è intervenuto per complimentarsi per il lavoro svolto fino ad oggi….. Tra di loro non si risparmiavano i complimenti ed abbracci di compiacimento.Io guardavo ……ogni tanto mi perdevo nella quintalata di dati snocciolati supportati dalle slides proiettate dalla sapiente regia dell’Uff. Relazione Esterne; ma qualcosa non mi tornava.. Mi ricordavo le parole dei colleghi che raccontavano di relazioni “pirotecniche” fatte dal Presidente che non mancavano di alcune coloriture verbali …Tutti i dati forniti, i piani industriali, le politiche aziendali, comunque, mi hanno dato la sensazione che, nonostante tutto, i buoni propositi, di indipendenza siano finalizzati alla creazione di un bel pacco dono da consegnare nelle mani di qualcun altro…… 

Nessun aspetto è stato trascurato e si è parlato anche di personale (sempre troppo poco) e si è dato particolare risalto alla formazione, è stata inolTre ribadita l’importanza delle Risorse Umane per raggiungere gli obiettivi – peccato se ne ricordino solo in certi casi -. Il massimo lo si è raggiunto con la presentazione, con tanto di demo, di quello che sarà il nuovo TP di sportello. Progetto ammirevole e veramente efficiente peccato che, dopo più di 20 anni in questo Istituto, mi sono sentito veramente preso in giro!!! Tale progetto male si combina con le quotidiane difficoltà di gestione delle problematiche del ns.hardware che, spero, verrà quanto prima sostituito, ma quello che più mi preoccupa è che tutta l’architettura del programma si regge su un concetto ancora poco diffuso nella nostra realtà: il così detto “cliente interno” che non si può improvvisare ma prevede un radicale cambiamento di mentalità. 

Gran finale “alla giapponese” con premiazione dell’eccellenza raggiunta da alcuni colleghi in vari comparti….. (non ho capito bene con quali criteri visto che fino alla fine di maggio non si è potuto disporre dei dati del 2006)!!!!Alla fine estrazione del premio annuale, un’automobile, che naturalmente non ho vinto così me ne sono tornato a casa con gli stessi mezzi con cui sono arrivato ….e non credo proprio che ci tornerò l’anno prossimo!!!

Ma se li meritano? 7 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

corsera-06092007.jpg

Toh, che bello, acquistiamo 5- 6 Filiali 5 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

99.jpg      99.jpg    99.jpg    99.jpg    99.jpg    99.jpg

E´ notizia apparsa sui giornali: la Volksbank potrebbe acquistare 5 o 6 sportelli di Filiali appartenenti al gruppo Intesa San Paolo.

Come da disposizione dell’antitrust il gruppo Intesa-San Paolo dovrebbe cedere quasi 200 sportelli per evitare il rischio di cosiddetta “posizione dominante”.

La disposizione prevedeva la cessione ad uno o più soggetti terzi. Soggetti che nella fattispecie sarebbero: la Cassa di Risparmio di Genova, la Popolare di Bari, il Credito Valtellinese e Veneto Banca.

Veneto Banca, Istituto già presente nella Sec, è la banca che recentemente è stata interessata dall’operazione legata alla Banca Popolare di Intra.

Il Presidente di Veneto Banca avrebbe recentemente dichiarato che 5 o 6 sportelli saranno probabilmente girati alla Popolare dell’Alto Adige .

Che bello essere informati dopo alcuni mesi.

 Speriamo che modalità allegre di questo tipo non ci coinvolgano spesso nel futuro.

Potrebbe essere sorpresa amara il giungere in ufficio e non trovare più la stessa insegna.

Che dite?

FORMAZIONE – AUSBILDUNG: 4 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

66.gif

costretti dalla Cassa – von der Sparkass- gezwungen 

 

Risalgono a pochi giorni fa le dichiarazioni dei vertici della Cassa di Rispar che parlano, oltre che ad un imponente piano di espansione, di una particolare attenzione alla formazione.  

Parole sante, parole che la UILCA sostiene da anni. 

Da anni questo Sindacato è a favore di una formazione seria e qualificata. Formazione e sviluppo professionale orientati all’idoneità nel ricoprire una qualsiasi posizione all’interno di una qualsiasi Banca.  

Modalità che da noi “chi comanda” non sembra orientato a “digerire”.

D’altro canto la bocciatura (per inidoneità) del progetto formativo Volksb da parte della Uilca (UNICO CASO IN ITALIA), non ha trovato (per la Banca) supporto né da parte dei vertici del Fondo di riferimento, né di Abi.  

Che quel birbante (Lausbub) del Bozzolan a suo tempo avesse avuto ragione?  

Non si dica mai.  

Dopo il passato veniamo al futuro. Con la recente dichiarazione della Cassa, l’aspirante veggente della UILCA vede, consultando la sfera di cristallo, formazione anche per i dipendenti della Volksie.

Che abbia ragione?  A breve l’amara verità. 

 

 

 

Calcio-Bancamercato 3 settembre 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

COLPO GOBBO DELLA CASSA:

preso Pallozzis

123.jpg 

continua il sostenuto turn-over di personale qualificato con poco convincenti motivazioni. 

E’ ora di PIANIFICARE provvedimenti seri nei confronti di chi da anni manifesta le proprie lacune. 

Misure efficaci, per il bene dell’Azienda, anche verso chi ricopre ruoli primari e non ne azzecca una?