jump to navigation

Sempre più d’oro i manager italiani 9 gennaio 2007

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
trackback

soldi.jpg 

La Repubblica/economia

MILANO – L’inflazione resta al palo. Il potere d’acquisto degli italiani è in calo costante. Ma gli stipendi dei manager di casa nostra – pubblici o privati non fa differenza – continuano a sfidare la forza di gravità. In tre anni (dal 2002 al 2005) gli amministratori delegati delle principali società quotate a Piazza Affari hanno visto crescere le loro buste paga in media dell’80%. Molto di più dell’inflazione (7% circa) e ben più dei loro colleghi americani, fermi a un misero +54%.

L’escalation è stata inarrestabile e raramente proporzionale ai risultati di bilancio o a quelli sul listino. Sono decollati i compensi in banca. Hanno allargato i cordoni della borsa persino le aziende familiari, tradizionale trincea della parsimonia retributiva nazionale. E a questa “Cuccagna” milionaria hanno partecipato in prima fila persino i vertici delle aziende pubbliche. Che tra compensi da favola (l’ad Alitalia Giancarlo Cimoli prende il doppio del numero uno Lufthansa) e buonuscite d’oro come i 7 milioni girati a Elio Catania per il suo addio alle Fs non rimpiangono di sicuro i bei tempi in cui guidavano società private. Almeno finora, visto che il governo (facendo qualcosa di sinistra, direbbe Nanni Moretti) ha imposto un tetto di 500mila euro ai manager delle realtà pubbliche non quotate.


Il boom in banca. Il mondo della finanza è l’esempio più eclatante del fenomeno. In Italia quasi tutti gli ad bancari hanno più che raddoppiato la loro busta paga in tre anni. Una bella soddisfazione che per molti si è sommata alle plusvalenze (in qualche caso di decine di milioni) incassate con le stock option. Questo Eldorado – tra l’altro – non conosce confini: un dipendente (non un manager) di una finanziaria di Wall Street guadagna in media 289mila dollari l’anno, cinque volte più della media degli altri lavoratori di New York. Le grandi banche d’affari pagheranno ai top-manager il prossimo Natale bonus per 36 miliardi, il doppio del Pil dell’Islanda.

L’anomalia pubblica. L’Oscar della generosità retributiva – fino all’intervento del governo Prodi – toccava però allo Stato. Tanto che la Procura di Roma ha aperto un dossier sul caso “Stipendiopoli”. Paolo Scaroni – per rimanere in area Piazza Affari – è uscito dall’Enel con una busta paga (comprensiva di buonentrata e stock option varie) di oltre 10 milioni. Ma anche togliendo le voci straordinarie, in tre anni i suoi compensi sono cresciuti del 50%. Bene (11 milioni) è andata anche a Vittorio Mincato, ex ad dell’Eni mentre Pierfrancesco Guarguaglini (Finmeccanica) ha più che raddoppiato i suoi emolumenti dal 2002.

Un record europeo. Il boom degli anni scorsi ha regalato all’Italia anche un ruolo da protagonista nella Champion’s League degli stipendi. La performance azionaria non proprio brillantissima di Telecom Italia, ad esempio, non ha impedito a Marco Tronchetti Provera di regalarsi un aumento del 76% dei compensi a quota 5,2 milioni l’anno. Più del numero uno di Vodafone Aurun Sarin e il doppio di Kai Uwe Ricke di Deutsche Telekom. L’ad di Generali Giovanni Perissinotto con un bel colpo di reni retributivo (+138% a 3,22 milioni) ha staccato di quasi un milione Michael Dickmann, suo omologo in Allianz. Un po’ di terreno l’ha recuperato anche Piersilvio Berlusconi: tre anni fa guadagnava 350mila euro l’anno. Poi si è guardato attorno, ha capito l’antifona e si è adeguato: nel 2005 il suo 740 è salito a due milioni di euro.

Inarrivabili Usa. In Europa, insomma, il Belpaese si batte bene. Il Mondiale, però, resta ancora un sogno. Gli ad delle 500 maggiori aziende di Wall Street hanno incassato in media nel 2005 oltre 13,5 milioni di dollari. Certo l’economia americana negli ultimi anni ha fatto boom. Ma il boom non è stato uguale per tutti. La busta paga di un amministratore delegato Usa nel 1990 era pari a 107 volte quella dei suoi dipendenti. Oggi la forbice si è moltiplicata per quattro: per arrivare a un compenso da ad occorre sommare lo stipendio di 411 impiegati e operai.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: