jump to navigation

2007 31 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

auguri07.gif

Die Betriebsraete UILCA und FISAC wünschen Ihnen

einen guten Rutsch und ein schönes Jahr 2007

Le Rappresentanze sindacali  UILCA e FISAC augurano

a tutti i colleghi un buon 2007

Annunci

News ansa. – BANKITALIA: MEZZO MILIONE DI MULTA A EX VERTICI POPOLARE INTRA 28 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed
ROMA – Il direttorio della Banca d’Italia ha inflitto una multa di 459.800 euro agli ex vertici di Banca Popolare di Intra. E’ quanto si legge nell’ultimo Bollettino di Vigilanza di Bankitalia (di agosto 2006), dove viene riportato il provvedimento a firma del governatore Mario Draghi. 

“La Vigilanza Creditizia e Finanziaria della Banca d’Italia – si legge – ha accertato con riguardo alla Banca Popolare di Intra le irregolarità: carenze nell’organizzazione e nei controlli interni da parte del cda; omesse comunicazioni all’organo di vigilanza da parte del collegio sindacale; carenze nei controlli da parte del Collegio sindacale; carenze nell’organizzazione e nei controlli interni da parte del direttore; carenze nell’istruttoria, erogazione, gestione e controllo delle pratiche di fido da parte del cda; carenze nell’istruttoria, erogazione, gestione e controllo delle pratiche di fido da parte del direttore; carenze nell’ istruttoria, erogazione, gestione e controllo delle pratiche di fido da parte del consigliere Luigi Bonomi; omessa segnalazione all’organo di Vigilanza di un grande rischio; carenze nell’ istruttoria, erogazione, gestione e controllo delle pratiche di fido da parte dell’ex direttore generale; posizioni ad andamento anomalo e previsioni di perdite non segnalate all’organo di vigilanza”, si legge nel provvedimento.

In particolare, Bankitalia ha inflitto una sanzione amministrativa pecunaria per complessivi 28.000 euro agli ex componenti del consiglio amministrazione Cesare Ponti, Mauro Albonico, Michele Alessi Anghini, Paola Balzarini, Lino De Vecchi, Claudio Carlo Viganò, Luciano Brogonzoli, Vitaliano Moroni e Sandro Saini. Altri 21.000 euro di multa sono stati inflitti complessivamente ad Angelo Compostella e Giorgio Pellicelli. Per Luigi Bonomi la sanzione è di 21.000 euro, mentre per Lanfranco Vivarelli è di 7.000 euro. Roberto Scruzzi, Ferruccio Battaini e Roberto Bussi sono stati complessivamente multati per 28.000 euro. Una multa della stessa entità è stata inflitta a Claudio Ferrari, mentre per Giovanni Brumana la sanzione è di 25.800 euro.

Basilea 2 e rinnovo del CIA, un binomio tutto da scoprire 27 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

11.jpg

L’introduzione di Basilea 2 è fonte di problemi contabili e organizzativi del management delle Banche. Le ricadute della normativa sono da tempo tematiche sentite  anche nella nostra Azienda, a tal punto che la Banca, anticipatemente all’introduzione, ha pensato bene di proporre un nuovo criterio di calcolo del premio aziendale. Cautelativo per il futuro, ma (guarda caso…), anche per il passato.

Metodologie e criteri che di fatto tutelano più l’ Azienda che i lavoratori.  

Siamo in presenza di un contratto integrativo ampiamente scaduto, con profitti già incassati (e non corrisposti ai lavoratori), e ancor prima di definire il passato, già si pensa alle ricadute future sul Bilancio dell’Istituto rispetto alle nuove direttive Basilea 2 ? 

Mah…, pur mischiando le carte con l’aiuto di qualche sindacalista meno “addestrato”…, UILCA e FISAC dicono apertamente come stanno le cose…  

In primis la POCA capacità di taluni rappresentanti  dei lavoratori. 

Ricordiamo che Basilea 2 è il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali. In base ad esso le banche dovranno accantonare quote di capitale proporzionali al rischio dei rapporti di credito in essere. Le nuove direttive entreranno in vigore dal 1° gennaio 2007 e le banche italiane ed europee, come da notizie apparse anche sulla stampa di settore, inizieranno a calcolare i nuovi requisiti in base alle nuove regole dal 1° gennaio 2008. 

Le grandi banche applicheranno il nuovo metodo con rating interno avanzato (anche in questo campo speriamo, che con l’aiuto di Basilea, il personale della Volksbank CRESCA\in professionalità, competenze e formazione. Purtroppo lo scoglio della discrezionalità, rispetto alle competenze, non sembra essere un ostacolo FACILE da superare).  

Ciò dovrebbe liberare maggior capitale nei confronti della clientela debitrice più affidabile e, nel contempo, elevare il patrimonio di vigilanza nei confronti dei debitori peggiori. Per banche e  clientela il passaggio sarà fondamentale.

Le imprese saranno impegnate a migliorare il proprio rating, per produrre un’ attenuazione sull’entità e sul costo del credito bancario. Un maggior rischio prevederà maggiori accantonamenti e per la banca maggiori costi. Le banche dovranno classificare la clientela in base alla rischiosità con procedure di rating sofisticate. Le Imprese, in particolare quelle di medio/piccole dimensioni, saranno impegnate a  migliorare le politiche di Bilancio, politiche utili alla concessione di minori tassi.

A pochi giorni dalla partenza, ricordiamo che le  “prove” sono partite già da anni e che le banche devono dimostrare tre anni di adeguatezza per poter avere i criteri meno onerosi previsti dall’accordo.

Più o meno lo stesso tempo dalla scadenza del Contratto Integrativo Aziendale.

Come intende proseguire l’Azienda?

Che silenzio e tempo siano strumenti sufficienti  A FAR SCORDARE AI COLLEGHI che la Volksbank è tra le POCHE banche in cui non si è rinnovato il Contratto Integrativo Aziendale ?

Buone feste! 22 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

radioscarpa Vi augura un felice Natale 2006 e un anno nuovo migliore del precedente

presepio.jpg

Una sede che ha fatto il suo tempo 22 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

immagini: © radioscarpa

banca_circondata_13.jpg

Una sede assediata, circondata da cassonetti dei rifiuti, veicoli di passaggio e giganteschi edifici limitrofi, vetusta e oramai inadeguata in quanto troppo piccola per ospitare tutti i collaboratori che dovrebbe accogliere.

Anche noi lavoratori in Volksbank desideravamo che Babbo Natale ci portasse in dono una nuova sede, più adeguata al prestigio del nostro istituto di credito, magari nel centro della città ed in un edificio storico come quello della Spark.

banca_circondata_2.jpg


Premiati gli studenti che hanno vinto il concorso sulla sicurezza e la prevenzione 21 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

premio.jpg

Sono stati premiati questa mattina presso l’Istituto per l’industria e l’artigianato “Galileo Galilei“ di Bolzano i sei lavori preparati dagli studenti delle scuole superiori per il concorso indetto dall’INAIL sulla prevenzione e la sicurezza sul lavoro.

L’edizione di quest’anno del concorso promosso dall’INAIL e sostenuta dal Ministero dell’istruzione, l’università e la ricerca finalizzato alla diffusione nelle scuole della cultura della prevenzione e della sicurezza sul posto di lavoro ha registrato una partecipazione particolarmente alta di scuole e di studenti. In particolare hanno preso parte all’edizione di quest’anno con lavori che spaziano dal manifesto, allo spot ed dalla presentazione in power-point quattro istituti superiori di Bolzano: l’Istituto Tecnico per Geometri “Delai”, l’Istituto professionale per i servizi commerciali e turistici, l’Istituto professionale per l’industria e l’artigianato “Galileo Galilei” e l’Istituto tecnico commerciale (IGEA) Cesare Battisti.

Nel suo indirizzo di saluto la vicepresidente della Provincia, LUisa Gnecchi, ha sottolineato l’importanza di diffondere tra i giovani, già in ambito scolastico, una sensibilità ed una cultura nei confronti della sicurezza e della prevenzione, non solo nell’ambito del lavoro ma anche in tutti gli altri settori della vita. A questo scopo, ha proseguito l’assessora Gnecchi, vengono organizzati ogni anno nelle scuole appositi corsi di formazione ed è stato costituito un Gruppo di lavoro per la sicurezza e la prevenzione nelle scuole del quale fanno parte anche le tre Intendenze scolastiche, la Protezione civile ed i Vigili del fuoco.

Il direttore provinciale dell’INAIL, Robert Pfeifer, ha espresso soddisfazione  per l’ottima collaborazione instaurata con le scuole e per l’interesse che il concorso ha suscitato tra gli studenti. Grazie a queste iniziative è possibile raggiungere i giovani, i lavoratori di domani e sensibilizzarli nei confronti di problematiche importanti come la sicurezza e la prevenzione degli infortuni. Infine l’ingegner Marco Becarelli, presidente del Gruppo di lavoro per la sicurezza e la prevenzione nelle scuole ha informato che l’organismo ha elaborato un programma di educazione alla sicurezza che parte già dalle scuole elementari e coinvolge appunto anche gli istituti superiori dell’intera provincia. Il Gruppo di lavoro ha predisposto anche alcuni validi ausili didattici, depliant, manifesti ed una videocassetta rivolta alla scuole dal titolo “Non facciamoci prendere dal panico”.Nel corso della cerimonia la vicepresidente della Provincia, Luisa Gnecchi, ed il direttore dell’NAIL, Robert Pfeifer, hanno quindi premiato gli studenti Giada Job, del I anno dell’Istituto Tecnico per Geometri A. e P. Delai, Valeria Campion, del V anno dell’Istituto professionale per i servizi commerciali e turistici, Cepa Ledjona ed Ilaria Bozzolan, del III anno sezione chimico-biologico dell’Istituto professionale per l’industria e l’artigianato “Galileo Galilei”,  Cristina Cerea, del IV anno del medesimo istituto, Silvia Ognibene del I anno dell’Istituto per geometri ed Ivan Zanolini del IV anno dell’Istituto tecnico “Cesare Battisti”.Agli Istituti di appartenenza degli allievi è stato conferito dall’INAIL un premio di 1.000 euro per ciascun lavoro premiato mentre ai giovani sono state assegnate sei borse di studio del valore di 1550 euro ciascuna.
Ufficio stampa della Provincia di Bolzano.
Comunicato n° Press 6284 del 15.12.2006 11:34

Girovagando per filiali… dove si strizzano i limoni 19 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

FESTA DI NATALE: CI SONO STATI ARGOMENTI FUORI LUOGO, SEMPRECHE’ DI FESTA STIAMO PARLANDO

 noncelafacciopiu.jpg

Girovagando per filiali… ci fanno notare che tutto l’anno ci strizzano i limoni con i risultati, gli obiettivi, i dati statistici, i grafici e compagnia bella.

Ma sentir parlare di obiettivi, premi e risultati da raggiungere, sennò apriti cielo, questo anche alla festa di Natale, che doveva essere una festa, questo no. È troppo!

B A S T A !

radioscarpa cuore volksbank – solidale con le filiali sull’orlo di una crisi di nervi

Festa di Natale 2006: un successo straordinario 18 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

Festa di Natale presso il Kursaal di Merano, 15/12/2006

km12.jpg

Un successo senza precedenti: quest’anno i lavoratori della Volksbank hanno preso d’assalto il Kursaal di Merano per partecipare alla festa aziendale di Natale.

I complimenti di radioscarpa ai lavoratori presenti, che, tra musiche, balli e buon cibo, hanno voluto ribadire il loro senso di appartenenza a quest’azienda e passare una serata in relax ed allegria.

Anche questa volta i lavoratori Volksbank hanno dimostrato – con il loro profondo attaccamento – che, in fatto di spirito di gruppo, non siamo secondi a nessuno. Le altre banche infatti (soprattutto quelle locali, che muoiono d’invidia), tentano di copiarci, senza ovviamente riuscirci.

Unica notarella stonata: qualche “assenza” tra i piani alti. I sindacati, invece, erano presenti.

radioscarpa, cuore Volksbank

Cena di Natale: premiare chi lavora! 14 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

 

iberia.jpg

Una radioproposta 

Finora è stato così: chi non è presente alla festa di Natale (al Kursaal di Merano) e viene estratto a sorte perde il premio: il famoso viaggio aereo per due persone.

Dunque, avete lavorato alacremente tutto l’anno; avete condiviso orientamenti, strategie e quant’altro con l’Azienda. Tutti vi riconoscono che lavorate con profitto.

Però alla cena di Natale non andate, dato che avete impegni famigliari che non vi consentono di essere presenti; oppure per qualsivoglia altro motivo, non importa.

E, per questo, per il fatto che non siete presenti in quel momento, venite penalizzati: il vostro nome viene cancellato e viene estratto quello di qualcun altro.

Secondo noi questa è una penalizzazione che chi lavora come voi non merita.
Le voci critiche che circolano per i corridoi e per le sale caffè dicono che  il successo della cena di Natale è costruito in buona parte sul ricatto: non sei presente, niente premio!

L’Azienda dimostri che si tratta di una chiacchiera del tutto infondata, togliendo questa penalizzazione oramai anacronistica.

Siamo sicuri che se questo verrà fatto i lavoratori verranno alla cena di Natale come e più di prima.

Cuore Volksbank 

Cerimonia di intitolazione della Sala Riunioni UIL-SGK a Guido Laconi. 13 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

 guido.jpg

Il giorno 19 dicembre 2006 presso la sede provinciale della UIL-SGK si terrà una cerimonia in ricordo dell’amico GUIDO LACONI.

Tutti i sindacalisti presenti e passati, appartenenti a tutti i settori produttivi, hanno avuto modo di conoscere una grande persona. Un uomo  che ha sempre creduto in un sindacato plurietnico, un uomo rispettoso e tenace.

Per anni responsabile della Camera Sindacale UIL-SGK, e successivamente vicepresidente dell’AFI-IPL, Guido è stato un esempio di correttezza e trasparenza.  Questi valori rimarranno vivi nei cuori di coloro che ti hanno conosciuto e che hanno lavorato, o lavorano tutt’ora,  nell’interesse dei lavoratori e delle lavoratrici della Provincia Autonoma di Bolzano.

Ciao Guido.

La funzione politico-critica del sindacato 13 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

lavoratori_epoca.jpg

Riguardo alle recenti discussioni sul ruolo e sull’atteggiamento dei sindacati nei confronti del governo, siamo dell’avviso che un sindacato non deve mai mancare di esercitare il suo ruolo “critico” e “politico”, perché è evidente che le decisioni prese a livello governativo producono i loro effetti sulle famiglie e sul mondo del lavoro. E i sindacati hanno il compito di tutelare i lavoratori, di difendere il lavoro, di incoraggiare le aziende sane ed etiche.

Qualsiasi provvedimento che – in modo manifesto o dissimulato – collide con l’interesse dei lavoratori dev’essere apertamente criticato, con metodo e modi adeguati, e con fondate motivazioni.

Per questo diciamo che sbaglia chi crede di strizzare l’occhio a questo o quel partito politico solo per ottenerne in contraccambio un fantomatico occhio di riguardo.

Il lavoro si salvaguarda unicamente tenendo lo sguardo sempre vigile e giustamente critico sul governo.

Natale positiva mente 11 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

È NATALE E SIAMO TUTTI PIU’ BUONI: È ORA DI VALORIZZARE LE POSITIVITA’ DELLA NOSTRA BANCA!

positivamente78c79bf.jpg

radioscarpa PROMUOVE una raccolta delle voci positive

Cari colleghi amici della Banca Popolare Volksbank. Vi chiediamo di inviarci (via e-mail a radioscarpa@gmail.com) vostri commenti o vostre informazioni su una o più cose positive che vi sono successe nello svolgimento del vostro lavoro quotidiano (per esempio nel rapporto con la clientela, con i vostri colleghi, con i vostri superiori, con l’esterno ecc.). Raccontateci un aneddoto oppure un fatto che ritenete importante far conoscere.

Pubblicheremo i vostri commenti sul blog, purché siano conformi alle regole di pubblicazione che potete consultare alla pagina “contenuti e scopi”. Inoltre, viene garantito il vostro anonimato.

In particolare, ogni nome/cognome di persona, sia di chi scrive, sia di chi voi citate, verrà camuffato con un nickname di pura fantasia (nomignolo) così da renderlo irriconoscibile (Topolino, San Curzio, Zio Beppe ecc.).

E ancora: avete delle proposte POSITIVE da presentare alla Banca, ma non ne avete il coraggio? Oppure pensate che è pressoché inutile presentare qualcosa… tanto… nessuno vi ascolta? Tranquilli, lo faremo noi per voi. Mano alla penna, scriveteci! Presenteremo all’Azienda le voci e le idee positive dei lavoratori.

Tirate fuori la vostra energia positiva!

THINK POSITIVE!

Trattativa CIA: sintesi di una gestione scellerata 11 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

urlo_munch2.jpg

OPERA DA TRE SOLDI – DREIGROSCHENOPER

SINTESI DI UNA TRATTATIVA FUORI DI TESTA

28 LUGLIO 2005: Fisac e Uilca presentano la piattaforma per il rinnovo del CIA, mentre gli altri dormono. Fabi e Dircredito la presentano in ritardo e la Banca prende tempo.

Dopo aver menato il can per l’aia la Banca a fine anno 2005 promette entro gennaio 2006 di presentare una propria controproposta.

Invece, colpo di scena! Sottoscrive un accordo con Fabi e Dircredito per allungare ulteriormente la trattativa, sospendendola almeno fino a ottobre 2006.

Dunque ad autunno la trattativa riprende, anche se per Uilca e Fisac non si era praticamente mai interrotta, visto che la prima sentenza aveva costretto la Banca a riprendere gli incontri (e la seconda non aveva avuto effetto pratico, dato che quando è sopraggiunta ormai era già autunno e quindi la trattativa sarebbe comunque stata ripresa).

Mentre ri-parte la trattativa è FISAC a chiedere il tavolo unico. Banca e altre sigle hanno dovuto incassare il colpo visto che il via libera per il tavolo unico è venuto da Roma. Dunque il tavolo è di nuovo unico per ordine nazionale.

Parallelamente alla trattativa su tavolo unico FISAC e Uilca promuovono anche una lunga serie di incontri intersindacali per tentare di compattare il fronte sindacale nei confronti della delegazione aziendale.

Dopo i primi due incontri FABI, anziché cooperare fino all’ultima goccia di sudore per cercare l’unità, dichiara “con cinquecento iscritti siamo noi a voler dettare le linee”. Vedendo che i sindacati non si “piegano” alla sua volontà, Fabi abbandona gli incontri intersindacali che intanto continuano senza di lei.

Nel frattempo prosegue, ma per modo di dire, la trattativa. La posizione della Banca infatti è granitica. Non si era difatti mai vista prima una Banca così sugli scudi. Non un passo, non un millimetro. Mai successo nelle precedenti trattative!

A livello intersindacale, dopo una serie di incontri senza di lei, Fabi riprende la palla al balzo e rientra in campo su invito di Dircredito. Si prepara una proposta per iscritto al fine di suggellare un patto d’azione comune; proposta che però, visto che è stata scritta da mano inesperta, fa un po’ acqua di qua e di là. FISAC ne riprende il succo centrale, la corregge e la integra e la ripropone a tutte le sigle.

Per la discussione di queste due ultime proposte per un patto d’azione e cooperazione (quella redatta da Dircredito, quella redatta da Uilca e quella redatta da Fisac) i Confederali programmano un incontro intersindacale per il giorno 11 dicembre 2006.

11/12/2006. All’incontro intersindacale FABI e DIRCREDITO non si presentano.

Ma allora, a che gioco vogliamo giocare?

Attenzione: qualcuno qui vuole far pressione per firmare questo contratto integrativo in tutta fretta, senza badare alle conseguenze nel prossimo futuro. E chi sta al gioco è un incosciente o un filibustiere.

Sindacalisti del Kaiser 9 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

 1000_verdi_old.jpg

Facciamo notare, cari colleghi, che due sindacati tra i quattro che stanno trattando il CIA, sono capeggiati da due sindacalisti anziani che fra pochissimo andranno in pensione. Quale utilità avranno nel condurre le trattative in un certo modo? E quali effetti si produrranno su tutti i collaboratori a lungo termine, per quanto riguarda il premio aziendale? Quanto gliene può fregare a loro se il premio viene flessibilizzato in tal modo da avere particolari effetti un domani? Provate a rispondere…… perché è ora di prendere coscienza!!!! meditate gente, meditate….

News: – L’uomo e’ il solo animale capace di farsi stupido (Andre’ Glucksmann). 7 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

csr-sc190.gif

http://www.welfare.gov.it

Relatore per i Sindacati italiani

Edgardo Iozia – Segretario Nazionale UILCA

European Multistakeholder Forum on CSR Initial Review Meeting, 7th December 2006

European Multistakeholder Forum on CSR

Initial Review Meeting, 7th December 2006

 The European Commission has convened a review meeting of the European MultistakeholderForum on CSR on 7 December 2006. This proposal is based on:· The invitation addressed by stakeholders to the Commission in the final Forum report(June 2004): “The Forum invites the Commission together with stakeholders toconvene an initial shared review in two years’ time of progress made in relation to theForum’s recommendations, and of other trends, developments and innovations inCSR.”· The fact that the Commission, as stated in its communication on CSR of 22 March2006, attaches “utmost importance to dialogue with and between all stakeholders.” Inthe same document, the Commission proposed to “re-convene meetings of theMultistakeholder Forum at regular intervals with a view to continually reviewingprogress on CSR in the EU.”

la Commedia Popolare 6 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

Eine Kundschaft, eine Bank, ein Führer. Una clientela, una banca, un condottiero.

austro-ungarico.jpg

La corte dei sovrani di Popolandia:

Gulliver
Il gigante fra i lillipuziani; essendo gigante anche il suo potere era gigantesco. Veniva persino soprannominato “l’imperatore”, poiché era stato chiamato da lontano per salvare il paese e il suo dominio si estendeva così su tante lande straniere.

Luigi XIV
Il sovrano storico. Pare che il suo regno un tempo fosse talmente esteso che non vi tramontava mai il sole; il suo sorriso era il sole.

Richelieu
Il cardinale che tesseva le trame nell’ombra, preciso come un orologio svizzero, sapeva far di conto come nessuno.

Mazzarino
Il perfido compare di Richelieu, non perdeva occasione di fare le cose di testa sua, ma senza l’acume del cardinale, suo ispiratore e padrino.

Il giullare
ingaggiato per sollazzare i sovrani è stato l’inventore del “sì a comando con sorriso stampato”. Il suo passatempo preferito era attaccare i bottoni (specialmente sulla giubba del gigante).

Bernardo Gui (l’inquisitore)
Fine e abilissimo diplomatico, approfittava della sua veste e del suo sorriso per comporre la lista nera degli avversari della corona. E loro, non si sa come, quattro volte su cinque finivano al rogo.

Il cancelliere federale
Era dappertutto e sapeva sempre tutto, ma nessuno mai lo vedeva. Nell’ombra scriveva le lettere per conto dei sovrani; era detto anche “Ponzio Pilato” per essere costretto dal re a lavarsi le mani sporche d’inchiostro dopo ogni missiva. Famosa la sua frase: «non sono né qui, né là, in realtà non sono nessuno.»

Ehi, … non nasconderti … ti vediamo 6 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

eye17.gif
Dopo le recenti vicissitudini che hanno visto il cambiamento di mansioni ad un Sindacalista, sembra il preposto, stia tentando di…cedere la mano…

Rif: lettera ad un Sindacalista mai nato

Caro collega, nella società odierna il rispetto dei principi e dei valori sono elementi determinanti per rappresentare al meglio i colleghi. La correttezza non è qualcosa di aleatorio, al contrario è un insieme di attenzioni quotidiane che permette di esplicare un lavoro (quello sindacale) con trasparenza, correttezza e dignità.

Tutto ciò non si compra.

Sono valori insiti nell’uomo e, per questo, bisogna essere portatori di sensibilità particolari. Talvolta bisogna avere il coraggio di “passare la mano”. La distinzione dei ruoli è alla base di ogni più elementare forma di etica.

Si può stare a braccetto con l’Azienda e contemporaneamente rappresentare i colleghi?

Evidentemente no.

Gli interessi sono diversi e quello che accomuna le Parti è un semplice rapporto di lavoro. Un contratto, non un matrimonio. La differenza è sostanziale.

Etica. Etica tanto dichiarata e così poco applicata.Il tema è oggi così importante che i legislatori di diversi Paesi devono intervenire per evitare vere e proprie debacle finanziarie.

Caro collega, amichevolmente, …passa la mano, conosciamo le tue carte…

la “gaffe” di Gulliver 5 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

 gulliver.jpg

Vogliamo che ci considerino i più efficienti sulla piazza, diceva in lungo e in largo un giorno Gulliver.

Ma è una gaffe clamorosa!

Siamo già i più efficienti ed efficaci sulla piazza.  Non vorrete mica paragonarci a quell’elefantone burocratico della risparmio o quelle farfalline della rurale…

Viva i lavoratori popolari!

risatine e pernacchie 4 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

risata.jpg

Lo sapete perché una banca non sarà mai propensa ad acquistare una squadra di calcio di serie A?
Risposta: perché per avere successo non bisogna risparmiare sulla formazione!

POPOLARI: riforma in discussione 3 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

E’ intenzione del Governo rivedere la normativa riguardante le Banche Popolari. I punti oggetto di discussione sono: il limite di partecipazione detenibile, il voto capitario, il problema delle deleghe.

La notizia diffusa dai mass-media ha avuto ricadute dirette sulle quotazioni di borsa. Istituti come la popolare di Milano e le banche popolari unite hanno beneficiato di rialzi nell’ultima seduta borsistica.

Cosa può succedere in casa nostra?

Gli scenari sono molteplici e le dichiarazioni sulla nostra autonomia sono legate ai piani strategici, alle previsioni  di aggregazione a carattere regionale, a semplici  dichiarazioni a carattere verbale.

C’è da fidarsi?

Ognuno di Voi può avere un’opinione diversa, fermo restando che nessuno verrà mai informato in anticipo. Il mercato è mercato e gli azionisti, come ironicamente sosteneva qualcuno,  non hanno anima.

Queste considerazioni non sono volte a terrorizzare nessuno, ma al contrario a far riflettere per trovare gli strumenti più idonei a garantire l’occupabilità e la collocazione nella zona di appartenenza di ognuno anche nel futuro.

Tutti motivi per cui siamo ad invitarVi, anche per quanto riguarda la delega al Sindacato, a verificare quale e quanto sia il patrimonio di professionalità e competenze dell’organizzazione sindacale aziendale a cui avete conferito il mandato.

 

Variabili e scelte sempre più importanti alla luce della rapida evoluzione del settore del credito.

BLACK OUT TOTALE – curiosità e stranezze alla luce dello sciopero degli autobus odierno. 1 dicembre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

NEWS. – La giornata campale è ormai alle spalle.

Lo sciopero generale del settore degli autoferrotranvieri anche in Regione ha avuto le risposte così come in altre città.

Risultato: buona parte del trasporto pubblico non funzionava.  

Qual è stata la ricaduta in termini di traffico? 

La  proclamazione ha ancora una volta avuto il cosiddetto  “effetto panico”. Nella sostanza bastava che  i cittadini decidessero di sopperire con mezzi più ecologici (bicicletta)  invece di ricorrere all’auto privata con le inevitabili ricadute negative sul traffico urbano.  

Nell’occasione qualche diligente ciclista ha pensato bene di verificare le ricadute della situazione nei termini di cosiddetta “qualità dell’aria”. (rif. Piazza Adriano).

Come d’incanto il black-out, sembra abbia anche colpito in maniera totale anche i cartelloni delle centraline di rilevamento (vedi foto allegata).Semplice disfunzione informatica, oppure  meglio non vedere per non essere edotti dell’amara realtà? 

A Voi la scelta.

smog.jpg

Le Rappresentanze Sindacali Aziendali