jump to navigation

Si è tolto la vita. Era nostro collega fino a poco tempo fa 9 ottobre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

Lo conobbi quand’eravamo ancora adolescenti; ci saremmo ritrovati qualche lustro più tardi come colleghi della Banca Popolare.
Non siamo mai diventati profondamente amici, ma c’è stato un tempo, una ventina d’anni or sono, in cui ci siamo frequentati, stimandoci reciprocamente per la chiarezza e per la purezza delle idee. I suoi ragionamenti erano precisi e la sua mente era scevra da cattivi pensieri.
La vita ci ha condotto su strade diverse: ognuno con i propri amici stretti, la propria famiglia.
Non sapremo mai cos’è che ha portato la sua mente su strade inesplorate e impervie.  Credo che il suo profondo orgoglio – e la sua estrema umana dignità – non gli avrebbero mai permesso di implorare aiuto.
La società assordante dei consumi non è capace di ascoltare ed accogliere (e forse non lo vuole nemmeno) una voce, sommessa, fuori dal coro.
La società: un’accozzaglia confusa e vociante di miserie umane.
La società siamo noi.

RCV

Trattativa CIA 5 ottobre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

News dalle RSA

Sono continuate stamattina le trattative per il rinnovo del CIA. La Banca ha proposto una bozza per il sistema premiante, ma la trattativa si rivela più difficile del previsto, stante la totale indisponibilità dell’Istituto a concedere migliorie sul piano economico e normativo.
Se la Banca non muta il suo rigido atteggiamento sarà difficile giungere ad un’intesa.

A meno che non vi sia qualcuno disposto a firmare al ribasso, sulla testa dei lavoratori… 

Premio «Visitors» 4 ottobre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

Proiezioni

Ottobre 2036: la Banca Postpolare vince il concorso «Visitors» come banca extraterrestre più innovativa: senza spese il conto “luna nel pozzo” per bimbi, ragazzi ed adolescenti. Sciami di giovani marziani fanno a gara per aderire.

Vulpem pilum mutare, non mores

Orari flessibili e lavoratori di gomma? 2 ottobre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

flexy.gif

 News: fonte ABI:

…da parte dei giudici di legittimità è stato più volte affermato il principio secondo il quale grava sul datore di lavoro l’obbligo di adottare tutte le misure necessarie, compreso l’adeguamento dell’organico, ad assicurare livelli di competitività e di produttività senza, tuttavia, compromettere l’integrità fisica dei lavoratori.

I BISOGNI DELLE DONNE IN RIENTRO AL LAVORO – Mutterschaft und Wiedereintritt ins Erwerbsleben 2 ottobre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

News: Estratto della ricerca redatta da AFI-IPL Bolzano

Il Centro Documentazione e Informazione della Donna* ha condotto una ricerca, realizzata all’interno del progetto FSE “Donne in rientro al lavoro”, sui complessi rapporti fra donne, lavoro e maternità in provincia di Bolzano. Autrici: Marta Bonetti, Sandra Burchi, Barbara Pircher, Hermine Pircher. Il titolo corretto della ricerca avrebbe dovuto essere “I bisogni delle mamme in rientro al lavoro”, perché la maternità, in tutti i suoi aspetti sociali, culturali, fisiologici ed emotivi è stata l’oggetto per eccellenza di questa ricerca. E poi perché l’uscita ed il rientro delle donne nel mercato del lavoro sono conseguenza felice, ma anche problematica, della nascita dei bambini. Ricerche già effettuate, tra le coordinate maternità e lavoro, danno pressappoco gli stessi risultati, gli stessi che noi avremmo potuto, in modo superficiale, registrare: richiesta da parte delle neomamme di orari ridotti, part time o qualche altra forma di flessibilità di orario, padri menzionati raramente e solo come eventuale supporto genitoriale, dubbi anche sui servizi sociali per la prima infanzia, asili nido, Tagesmütter ecc., che risultano spesso insufficienti od inesistenti. E inoltre fino a che punto la richiesta di riduzione dell’orario di lavoro, spesso non concessa e motivo di licenziamento da parte della lavoratrice, è un aspirazione autentica e fino a che punto invece nasconde altre problematiche? Il cosiddetto part time femminile, o altre forme di conciliazione, anche se anelate in prima istanza come salvifiche della situazione, finiscono spesso col ritorcersi contro la professionalità delle donne, soprattutto nei casi in cui esista un desiderio di crescita professionale. Noi abbiamo voluto andare oltre, scavare un po’ più nel profondo di un “desiderio” femminile le cui motivazioni restano spesso inespresse.

Im Auftrag des Frauenzentrums Bozen wurde 2005 im Rahmen des ESF-Projekts “Rückkehr der Frauen in den Beruf” eine Studie durchgeführt, welche die Vereinbarkeit von Familie und Beruf in Südtirol untersucht. Dabei wurde vor allem auf die komplexen sozialen, familiären und persönlichen Komponenten eingegangen, die den beruflichen Wiedereinstieg von Müttern charakterisieren. Die Bedürfnisse der Frauen beim beruflichen Wiedereinstieg Richtigerweise müsste der Titel der vorliegenden Studie “Die Bedürfnisse der Mütter beim beruflichen Wiedereinstieg” lauten, da sie sich in erster Linie mit der Mutterschaft und all ihren sozialen, kulturellen, physiologischen und gefühlsmäßigen Aspekten beschäftigt und der Austritt aus und der Wiedereinstieg der Frauen in den Arbeitsmarkt die glückliche jedoch auch problematische Folge der Geburt eines Kindes ist. Bereits durchgeführte Studien zu den Koordinaten Mutterschaft und Beruf haben in etwa zu denselben Ergebnissen geführt: das Bedürfnis von jungen Müttern nach kürzeren Arbeitszeiten, nach Teilzeitarbeit oder anderen Formen von arbeitszeitlicher Flexibilität, Väter, die nur selten erwähnt werden und wenn, dann nur als gelegentliche Stütze, Zweifel hinsichtlich der Sozialdienste für Kleinkinder, Kindertagesstätten, Tagesmütter usw., die häufig unzureichend oder nicht vorhanden sind. Inwieweit ist außerdem die Forderung nach kürzeren Arbeitszeiten, die häufig nicht erfüllt wird und für Arbeitnehmerinnen einen Kündigungsgrund darstellt, eine echte Bestrebung und inwieweit verbergen sich dahinter lediglich andere Probleme? Die so genannte weibliche Teilzeitarbeit und andere Formen der Vereinbarkeit, die zu Beginn noch als die Lösung angestrebt wurden, richten sich letztendlich gegen die Professionalität der Frauen, besonders dann, wenn das Bedürfnis nach beruflicher Weiterentwicklung besteht. In unserer Studie wollten wir einen Schritt weiter gehen und uns eingehender mit weiblichen Wünschen und Träumen beschäftigen, deren Hinter- und Beweggründe häufig nicht zur Sprache kommen.

Radioscarpa via Google 1 ottobre 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

Il signor W., in Raika da una vita, ci fa sapere di averci trovato attraverso Google mentre era alla ricerca di varie notizie sulle banche in generale: «Carino il vostro sito, vi auguro tanto successo.»

Grazie per gli auguri.
Una precisazione: il nostro non è un sito, bensì un blog.