jump to navigation

Rapine in banca: si entra facile 21 luglio 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

Dopo la rapina in banca alla filiale di Merano, via Monte Tessa, torniamo nuovamente a sottolineare quanto in genere le banche locali non facciano nulla per rendere almeno meno facile l’entrata in filiale a qualsiasi malvivente.

Oggi si entra e si esce meglio che al supermercato: ampie porte scorrevoli ad apertura automatica senza sorveglianza!

Secondo gli istituti di credito locali le porte a bussola sarebbero antipatiche per la clientela e comunque implicano un costo non indifferente.

Già, la solita litanìa dei costi… 

Obbligo di modifica contestuale per i tassi di interesse attivi e passivi 21 luglio 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
comments closed

news da: http://www.corriere.it CLICCA QUI
Banche, niente più spese di chiusura conto

La commissione Bilancio del Senato ha approvato gli emendamenti del governo all’articolo 10 del decreto legge Bersani

ROMA – E’ probabilmente uno dei provvedimenti più attesi nel pacchetto sulle liberalizzazioni previste dal decreto legge che porta la firma del ministro per lo Sviluppo Pierluigi Bersani. Finalmente, infatti, non si dovranno più pagare le commissioni per chiudere un conto corrente.
La commissione Bilancio del Senato ha infatti approvato gli emendamenti del governo all’articolo 10 del decreto legge.

 

Ma non c’è solo l’eliminazione delle spese di chiusura per i conti tra le buone notizie per i consumatori. L’altra grande novità rigurda l’obbligo per gli istituti di credito di modificare i tassi di interesse in relazione alle decisioni della Banca Centarle Europea in modo contestuale sia per gli interessi passivi che per quelli attivi. Sia, cioè, per quanto rigurada i soldi che si prendono a prestito che per quelli che si prestano alle banche stesse.

 

Una modifica rispetto al testo precedente però c’è stata. Viene, infatti, eliminata l’iniziale condizione di modificare i tassi in modo univoco. Spetterà, in pratica, alle aziende di credito decidere se e di quanto adeguarsi. Contestualità, quindi, ma in riferimento al “quantum” resta la libera scelta della banca.

20 luglio 2006