jump to navigation

Bilancio sociale cercasi disperatamente 31 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

Oltre il naso il nulla

La strategia della nostra banca è talmente a corto raggio che non è stato nemmeno pubblicato un bilancio sociale?

(figurarsi se una banca che ti chiude la porta in faccia al sindacato si mette a pubblicare un bilancio sociale…)

Il nostro maggiore sforzo sociale è affermare fino alla nausea che vogliamo mantenere la nostra autonomia?

Possiamo anche continuare ad affermare fino allo sfinimento che la conservazione dell'autonomia dell'Istituto è il nostro primo obiettivo, ma quale futuro potrà mai avere una banca le cui strategie non vanno al di là del breve periodo?

ci ritroveremo sottacqua già alle prime pioggie?

CSR 31 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

Cos'è la CSR?

Corporate Social Responsability

Social Marketing, Corporate Philantropy, Cause Related Marketing, Corporate Social Responsability (CSR), ecco alcuni termini anglosassoni per definire ciò che in Italia viene chiamata Responsabilità Sociale d’Impresa (ovvero RSI).

Tutte queste definizioni, in parole povere, si riferiscono allo svolgimento di attività socialmente utili, ovvero l’assunzione da parte di una azienda di responsabilità etiche nei confronti della società e dei cittadini di tutto il mondo.

Il tema della Responsabilità Sociale d'Impresa è da molti anni argomento di discussione in Europa. Già dal 1993 l'Unione Europea si è attivata a creare interesse sui temi della CSR squotendo l’opinione pubblica e le menti imprenditoriali.

Nel 2000
il Consiglio Europeo di Lisbona fa appello al senso di responsabilità delle imprese nel settore sociale per quanto riguarda le best practices collegate a: istruzione/formazione, organizzazione del lavoro, pari opportunità, sviluppo sostenibile.

OBIETTIVO STRATEGICO

L'obiettivo che si è posto l'UE è "divenire, entro il 2010, l'economia della conoscenza più competitiva e più dinamica del mondo, capace di una crescita economica sostenibile accompagnata da un miglioramento quantitativo e qualitativo dell'occupazione e da una maggiore coesione sociale".

Download CSR_responsabilita_sociale.doc

sondaggio per la banca migliore 29 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

in una banca che ha rottamato i rapporti con i sindacati;
in una banca che valuta i propri dipendenti per mezzo di un freddo modulo, che tanto anche se lavori bene la promozione non la pigli;

ora ecco un sondaggio al personale con l'unico scopo di mettersi in saccoccia un premio

grottesco

dite la vostra mandando per posta interna un messaggio – rigorosamente anonimo (cliccare su "contenuti e scopi" per leggere le regole di pubblicazione) – al vostro rappresentante sindacale. i messaggi più interessanti verranno inseriti in questa pagina

sindacato giallo 28 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

in azienda diversi collaboratori, sentendo parlare di "sindacato giallo", ci hanno chiesto un chiarimento riguardo al termine.

il sindacato di comodo – detto anche sindacato giallo – è un sindacato artificiosamente sostenuto
dal datore di lavoro, al fine di precostituirsi una controparte
fantoccio o comunque manovrabile. detto semplicemente: "un sindacato pappa e ciccia con l'azienda".

come si riconoscono i sindacalisti gialli?
una carriera rapida può essere un indizio. 

guardatevi intorno!

da che mondo è mondo i sindacalisti di carriera ne fanno pochina

 

1° non entrare in banca 26 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

news letture

antonio gorba

«1° non entrare in banca»

L'autore di questo libro lavora realmente in banca: ed è direttore di una piccola filiale di provincia. scrive in modo critico "il mondo della banca".
personalmente ritengo che il testo abbia dei contorni esasperati ma nella sostanza ripercorre i processi che quotidianamente i lavoratori del credito effettuano inconsapevolmente o addirittura sostengono con convinzione.
il manualetto mette in evidenza le tipologie e le dinamiche che avvengono nel "ramo della vendita". pressioni o incentivazioni commerciali? entrare o non entrare in banca?
a voi la decisione.

non è detto che siate al sicuro. forse, a volte, è meglio fermarsi prima.

http://www.macrolibrarsi.it/libro.php?lid=6716&&

CTCU 26 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

Nuovo presidente al CTCU

Le nostre felicitazioni a Fabio Degaudenz per il suo nuovo impegnativo incarico di presidente del CTCU. Ricordiamo ai nostri lettori che il CTCU ha sempre dimostrato grande sensibilità nei confronti della banche.

www.centroconsumatori.it
www.verbraucherzentrale.it

Le associazioni membri del Centro Tutela Consumatori Utenti:
· Adiconsum (CISL-SGB)
· Associazione per i lavoratori, il tempo libero e la formazione (AFB)
· ASGB-Difesa dei Consumatori
· Asterisco (UIL-SGK)
· Associazione casalinghe (BGH)
· Ecoconsumo (CGIL-AGB)
· KVW/ACLI
· Ecoistituto
· Rainbow
· Associazione sudtirolese per la salute (SGGF)

portatori di handicap 25 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

news da http://www.uilca.it LEGGE 104/92

(Legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone con disabilità)

Effetti dei permessi di cui all’art. 33 sulle ferie e sulla tredicesima mensilità.

Dopo il favorevole parere, espresso dall’Avvocatura generale dello Stato per i dipendenti della pubblica amministrazione, anche il Consiglio di Stato risponde, con parere del 9 novembre 2005, n. 3389 , al quesito posto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, in merito agli effetti dei permessi di cui all’art. 33 della legge 104/92 sulle ferie e tredicesima mensilità, nei confronti dei dipendenti del settore privato.

Tale pronunciamento, oltre a chiarire l’interpretazione della norma, peraltro da noi sempre sostenuta, pone finalmente fine ad una controversia che stava oramai creando un’odiosa disparità di trattamento tra il settore pubblico e quello privato.

In buona sostanza il Consiglio di Stato ritiene che: “le ferie e la tredicesima mensilità sono soggette a decurtazione solo quando i permessi fruiti dai genitori di disabile grave (art. 33 commi 2 e 3 della L 104/92) siano cumulati con il congedo parentale ordinario e con il congedo per malattia del figlio (art. 42 del decreto legislativo 2 marzo 2001, n.151).”

Ricordiamo che la legge prevede:

per i soggetti portatori di handicap: 3 giorni retribuiti al mese (oppure 2 ore giornaliere)

per i genitori di portatori di handicap grave:

· il prolungamento fino a 3 anni del congedo parentale (retribuzione al 30%)

· oltre il 3° anno, 3 giorni retribuiti al mese (oppure 2 ore giornaliere): e questi ultimi possono essere cumulati con i periodi di congedo parentale (ossia fruiti dal genitore che già è in “astensione facoltativa” o in malattia figlio)

· due anni, anche frazionabili, di congedo retribuito per gravi motivi di famiglia (Legge 53/2000 e successiva legge finanziaria 2001).

Va da se che se la regola opera nella sola ipotesi di cumulo, in tutti gli altri casi non debba darsi luogo ad alcuna decurtazione di sorta.

In considerazione di quanto sopra facciamo presente che il Consiglio di Stato ha semplicemente indicato come avrebbe dovuto essere correttamente applicata la norma, pertanto ricordiamo che coloro che fossero stati danneggiati per effetto di errate interpretazioni aziendali, possono inoltrare alla propria Aziende (fino a cinque anni di retroattività), formale richiesta di restituzione di quanto dovuto.

news da Banca Intesa 25 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

Coordinamento Regionale Triveneto

http://www.fisacgruppointesa.it – e-mail: cesare.pace@cgilvicenza.it

Il giudice boccia

le pagelle di Intesa

Accolto il ricorso della Fisac Cgil di Trento contro Banca di Trento e Bolzano (Gruppo Intesa) , bloccati i nuovi criteri di valutazione. La banca deve ritirare la circolare e rifare i giudizi.

Banca Intesa con circolare 24 del 2006 decideva di escludere a priori il 25% del personale dai premi. In sostanza la banca decideva ad inizio anno che sarebbe stato “bocciato” il 25% dei colleghi. Ancor prima di fare gli “esami”. Il passo successivo poteva essere l’esclusione di una buona fetta di lavoratori dal premio di produttività.

La circolare dapprima diffusa in Banca Intesa è stata poi estesa alle banche del gruppo.

Una goccia che ha fatto traboccare il vaso della pazienza dei tenaci colleghi della Fisac Cgil della Banca di Trento e Bolzano. Il giudice del lavoro del Tribunale di Trento dott. Flaim ha accolto in toto il ricorso della Fisac Cgil del Trentino per comportamento antisindacale a seguito della Circolare sulla valutazione del personale – progetto Valore.

In base all’art. 67 del CCNL vigente l’Azienda doveva convocare le OO.SS. e ricercare soluzioni condivise all’interno dell’arco dei 20 giorni previsti a seguito della modifica della circolare rispetto all’anno precedente.

Disattendendo l’articolo di fatto l’Azienda ha estromesso dal loro legittimo ruolo le OO.SS. delegittimandole.

Ci viene anticipato che Btb dovrà fra l’altro:

· Revocare immediatamente la circolare sulla valutazione del personale

· Rifare tutte le valutazioni in base alla circolare dell’anno precedente

· Pubblicare sui più importanti quotidiani locali informativa coerente con i disposti della sentenza

L’istituto di Passera ha trovato – dopo la vittoria della Fisac di Treviso sulle sostituzioni – ancora un deciso stop.

Un insegnamento importante ci viene dalla determinazione della Fisac del Trentino che non ha inteso “chiudere un occhio” ma spalancarli bene entrambi.

I fatti hanno dato ragione alla ragione ma soprattutto reso onore alla giustizia. E dunque ai nostri lavoratori. Che la cosa sia di sprone a tutti noi a tenere gli occhi bene aperti e soprattutto a non “lasciar fare”.

Bassano del Grappa, 21 marzo 2006

la banca rompe il tavolo 24 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

mentre la sparkasse ha incalzato le organizzazioni sindacali per concludere in tempi accettabili una trattativa per il rinnovo del contratto integrativo (riuscendoci, dato che il cia è stato firmato l’altroieri dalle oo.ss.), la volksbank invece…

– dopo che la trattativa per il rinnovo del cia in azienda è stata regolarmente avviata

– dopo che le oo.ss. hanno illustrato a grandi linee le proprie piattaforme

– dopo che erano state avviate due distinte trattative per il cia su due tavoli separati (così come previsto in sede nazionale)

– dopo aver solennemente promesso la formalizzazione di una controproposta rispetto alle richieste presentate in piattaforma dai sindacati

tutto d’un tratto ti cambia le carte in tavola e

– pretende l’interruzione delle trattative (ovviamente abbiamo rifiutato spiegando il perché le motivazioni accampate dall’istituto sono prive di fondamento. e lo sono ancor più oggi dopo che la sparkasse ha stipulato in bellezza il suo contratto integrativo aziendale)

rompe il tavolo di trattativa con le oo.ss. UILCA, FISAC/CGIL e DIRCREDITO impedendo loro di svolgere e condurre in porto il negoziato per il rinnovo del contratto integrativo aziendale.

– >pertanto

le rsa chiedono con insistenza, e con ogni mezzo consentito, di riaprire immediatamente il tavolo e continuare la trattativa per il rinnovo del CIA.

lavoro gratis 22 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

dalle filiali ci segnalano che molti colleghi perdono tanti minuti di lavoro in busta paga. In pratica, per necessità di servizio i collaboratori si fermano settimanalmente in filiale anche per svariate mezze ore in più rispetto al normale orario di lavoro, ma questo surplus non verrebbe riconosciuto. E ciò accadrebbe spesso e volentieri.

Si vocifera perfino che in gran parte dei casi viene sconsigliato di segnare questo straordinario (per esempio i venti minuti in più), nonché di compensarlo.

Il collaboratore che si ferma in filiale per 20 minuti in più al giorno per una settimana intera, giusto per fare un esempio concreto, non ha diritto di vedere retribuito il suo impegno?

È giusto non riconoscere 100 minuti di lavoro ad un lavoratore che si fa un mazzo così?

Proposta: adottiamo la timbratura del cartellino in entrata come accade in molte aziende (non ultima la Provincia Autonoma di Bolzano).

Ma evidentemente la banca non è d’accordo, poiché in questo modo non scapperebbe più neanche un minuto di lavoro.
 

Fateci sapere Voi che ne pensate! Raccontateci i vostri problemi.
(scrivete a radioscarpa@gmail.com)

gulliver alla sparkasse? 22 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

insistenti voci di corridoio in circolo da diverse settimane narrano di un gulliver prescelto – da canali politici – per andare a dirigere la sparkasse.

il capitano che abbandona la nave?

il GRANDE mangia il piccolo… 22 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

news

È di pochi giorni or sono la comunicazione che Intra avrebbe trasmesso la proposta ad alcune banche, tra cui la Banca Popolare dell’Alto adige, di un progetto di autonomia condivisa. Leggiamo oggi:

(Adnkronos) – Corre in Borsa il titolo della Banca Popolare Intra che segna +4,72% a 14,85 euro dopo le indiscrezioni di un possibile accordo con la Popolare di Vicenza. Gianni Zonin, presidente della Popolare di Vicenza ”crede che sarà giudicato il partner migliore e confida in un esito positivo nel giro di poche settimane”. Intensi gli scambi che superano i 760 mila pezzi scambiati contro una media quotidiana di 495 mila

premio “mongolino d’oro” 22 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

Da queste pagine ogni fine mese verrà scherzosamente premiata con il mongolino d’oro la frottola più grossa raccontata in banca.

Mandateci le vostre segnalazioni!

Ne vedremo delle belle… 

vertenza al via 21 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

La volksbank è convocata per questa mattina presso l’ufficio del lavoro di bolzano per il primo tentativo di dirimere la vertenza che la vede contrapposta ad una nostra collega.

Come andrà a finire?

fusione con Intra in vista? 20 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

news (fonte Reuters Italia)

MILANO, 16 Marzo (Reuters) – Pop Intra ha convocato per il prossimo aprile l’assemblea ordinaria e straordinaria. Lo dice una nota della banca di Verbania che ha allo studio delle proposte di aggregazione con altri istituti popolari (tra cui Volksbank n.d.r.).
Secondo quanto dichiarato recentemente dal direttore generale Claudio Ferrari, entro fine marzo dovrebbe essere pronta da parte dell’advisor Mediobanca la short list delle nove banche che hanno presentato le proposte di aggregazione.

Banca Popolare dell’Alto Adige 18 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

News: dal sito nazionale UILCAhttp://www.uilca.it

BANCA POPOLARE DELL’ALTO ADIGE

Cia: il lupo perde il pelo ma non il vizio…

Dopo le Mercedes ai dirigenti sembra che la Banca altoatesina continui a camminare a braccetto con il solito sindacato amico.

Unico caso in Italia:

– alla Popolare il negoziato sul Contratto Integrativo, con l’avallo di FABI, viene interrotto e rimandato a non si sa quando.

L’interruzione della trattativa, secondo le Rsa UILCA e FISAC è illegittima, e quindi lesiva del diritto sancito dal CCNL di portare a termine la contrattazione di secondo livello.

Tutto ciò nonostante i buoni risultati economici raggiunti dall’Azienda. Basta seguire l’evoluzione del prezzo dell’azione, dei dividendi elargiti, degli ottimi raggiunti dalla rete di vendita, per affermare che la Banca (o meglio: i lavoratori) ha lavorato proficuamente.

UILCA e FISAC, non accettando l’interruzione unilaterale del negoziato attendono ora un segnale concreto dall’Istituto per dirimere una controversia che se non risolta per tempo proseguirà inevitabilmente per le vie di legge.

bollettino goliardico-satirico 18 marzo 2006

Posted by radioscarpa in mondo del lavoro.
add a comment

Benvenuti in radio scarpa, il blog goliardico satirico delle RSA Fisac/Cgil e Uil.CA della Banca Popolare dell’Alto Adige